Lo yoga vanta una storia plurimillenaria: nata e sviluppatasi in India tremila anni fa, questa disciplina – di cui esistono numerosi stili, come vedremo più avanti – consiste in posizioni dette asana che vengono eseguite in abbinamento alla respirazione e in alcuni casi alla meditazione.
Il termine yoga deriva dalla radice sanscrita yuj che significa unione, ma anche dirigere e concentrare la propria attenzione.

yoga cosèLa scienza moderna ha ampiamente dimostrato come la pratica regolare dello yoga promuova a livello fisico la forza, la flessibilità articolare e la resistenza, e dal punto di vista mentale la capacità di concentrazione, rilassamento e autocontrollo, che a loro volta inducono un senso di quiete, rilassatezza e profondo benessere.

Chi si dedica allo yoga beneficia inoltre di maggiori livelli di energia, migliorando la risposta allo stress e godendo di un più profondo equilibrio tra mente e corpo.

Quattro sono i principi di base dell’insegnamento dello yoga:

  1. Il corpo è un’entità che si compone di varie dimensioni, tutte profondamente legate tra di loro: uno stato di salute (o, al contrario, di malattia) a carico di una si ripercuote su tutte le altre.
  2. Ogni persona è diversa dall’altra, con le sue peculiarità e necessità: la pratica dello yoga deve quindi essere rispettosa di questa unicità, e sapersi adattare alle sue esigenze.
  3. Chi si dedica a questa disciplina lo fa per migliorarsi, diventando il guaritore di sé stesso. Il praticante si impegna giocando un ruolo attivo per raggiungere questo obiettivo, nella convinzione che il benessere arrivi da dentro.
  4. L’attitudine corretta è un requisito essenziale per il miglioramento di sé stessi e la guarigione: quando l’approccio è positivo, i processi si velocizzano e i benefici si ripercuotono in modo più efficace sul praticante.

Diversi sono gli stili di yoga, ognuno con le sue caratteristiche peculiari.

stili dello yoga
Ecco i principali:

  • Hatha yoga: è uno degli stili maggiormente diffusi, basato sull’insegnamento di posture fisiche che iniziano dalle più semplici e, gradualmente, passano a quelle più complesse e impegnative dal punto di vista fisico. Questo stile è principalmente finalizzato all’acquisizione di una maggior flessibilità del corpo e di un miglior benessere mentale, ed è adatto a tutti.
  • Ashtanga yoga: in questo stile vengono insegnate delle posizioni in una sequenza precisa, collegate tra loro in modo ininterrotto da una precisa coordinazione tra respirazione e movimenti. Maggiormente impegnativo dal punto di vista fisico rispetto all’Hatha yoga, l’Ashtanga contempla posizioni con vario grado di difficoltà e, oltre alla concentrazione sul respiro, prevede anche i cosiddetti drishti (ovvero punti sui quali fissare lo sguardo) e bandha (contrazioni di particolari muscoli del corpo per concentrare l’energia).
  • Vinyasa yoga: uno stile di yoga dinamico che prevede varie posizioni collegate tra loro ma, a differenza del precedente, senza un ordine sequenziale fisso. Anche in questo caso la respirazione gioca un ruolo importante e i movimenti avvengono in sequenza più rapida e dinamica, impegnando così dal punto di vista fisico e migliorando forza e resistenza.
  • Iyengar yoga: questo stile è focalizzato sull’allineamento del corpo e, oltre agli esercizi a corpo libero, sono contemplati anche degli oggetti come sedie, cinture, coperte o blocchi per l’esecuzione di determinati movimenti. La progressione avviene in modo lento e con una grande attenzione alla correttezza delle posizioni basata sulla conoscenza dell’anatomia. Questa pratica è dolce e ideale per tutti, indipendentemente dall’età e dal grado di allenamento; inoltre si addice anche a chi si sta riprendendo da traumi fisici o ha problemi di mobilità.
    miglioramenti con lo yoga

BENEFICI YOGA

Indipendentemente dallo stile di yoga prescelto, chi inizia a praticare con regolarità questa disciplina può ottenere notevoli benefici dal punto di vista psicofisico.
Ecco i principali:

  • Aumento della flessibilità articolare e della scioltezza dei movimenti
  • Tonificazione dei muscoli, compresi quelli respiratori
  • Fortificazione delle ossa
  • Miglioramento della circolazione sanguigna e linfatica
  • Riduzione della pressione sanguigna e del colesterolo
  • Miglioramento della postura e dell’equilibrio
  • Maggior capacità di concentrazione
  • Riduzione di ansia e stress
  • Miglioramento e stabilizzazione dell’umore

 

Salva

Salva

Salva

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
inserisci il tuo nome

19 − diciotto =