chirurgia seno

CHIRURGIA SENO: PRO E CONTRO

Da qualche anno a questa parte, sicuramente complice il mondo dello star system internazionale, la mastoplastica additiva, ovvero l’operazione chirurgica di aumento del seno, è diventata un intervento comune, al quale svariate migliaia di donne si sottopongono ogni anno, anche in Italia.

Ma quali sono i pro e i contro di questa operazione? Vediamoli insieme.operazione

VANTAGGI

La mastoplastica additiva, un’operazione che si effettua in anestesia generale, prevede l’inserimento nei seni di protesi artificiali (quasi sempre in silicone), allo scopo di aumentarne il volume e renderlo più sodo e turgido, pertanto esteticamente più gradevole; l’intervento è lo stesso che segue alla rimozione di un tumore alla mammella.

In quest’ultimo caso il primo e più immediato vantaggio della mastoplastica è fin troppo evidente: essa permette alla donna di “ricostruire” una parte di sé fondamentale per la propria femminilità, aiutando ed accelerando il recupero fisico e psicologico della paziente.

Quando l’operazione viene eseguita per sole ragioni estetiche, il vantaggio è soprattutto psicologico, in quanto la donna si vede più bella e completa; un décolleté piatto o svuotato o floscio, o ancora, asimmetrico, può essere perfettamente corretto, rendendo più sicure del proprio fascino e della propria femminilità.seno donna
Leggi anche: I cibi per aumentare il seno

CONTROINDICAZIONI

La mastoplastica additiva è un vero e proprio intervento chirurgico, che richiede il ricorso all’anestesia e prevede un decorso post-operatorio ben preciso, per cui non va né presa sottogamba, né affrontata con leggerezza.

Per poter essere sottoposte all’operazione è necessario dimostrare di godere di buona salute sia fisica che mentale, oltre che di essere totalmente consapevoli del percorso che si sta intraprendendo; un chirurgo serio e coscienzioso si accerterà che la richiesta non provenga da una donna che soffre di depressione, di disturbi alimentari o di problemi psichici in genere, tutte evenienze che rendono fortemente sconsigliato il ricorso all’intervento stesso.

L’aspetto psicologico non va mai sottovalutato: vedersi con un aspetto diverso, anche nel caso lo si sia a lungo desiderato e fortemente rincorso, potrebbe avere sulla psiche un impatto forte e a volte non prevedibile.

Non ci si dovrebbe mai sottoporre ad alcun genere di intervento estetico soltanto per accontentare gli altri, poiché il livello di autostima si abbasserebbe ancora di più alla continua ricerca di consenso.

Si sconsiglia in ogni caso di ricorrere alla mastoplastica additiva al di sopra dei 50 anni di età.

Leggi anche: Reggiseno push up invisibile

A CHI SERVE

La mastoplastica additiva, oltre che ad aumentare il volume di un seno piccolo o completamente piatto, è utile anche per “riempire” un décolleté “svuotato” da gravidanze e/o dimagrimenti eccessivi e per colmare eventuali asimmetrie.seno

CONSIGLI UTILI

Il primo fondamentale passo da compiere in vista di un intervento chirurgico al seno (e non solo) è quello di affidarsi ad un medico preparato e scrupoloso, in grado di metterti al corrente di tutto ciò che ti aspetta già al primo colloquio.
Uno specialista serio ti illustrerà compiutamente ogni aspetto dell’operazione, del prima e del dopo, compresi gli aspetti più difficili.

Infine un ultimo consiglio: prima di ricorrere ad una misura così drastica, se l’aspetto del tuo seno proprio non ti soddisfa, prova prima dei metodi alternativi, che oggi sono molto efficaci ed interessanti, a questo link trovi una GUIDA con tutti i metodi e le strategie per aumentare il seno.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
inserisci il tuo nome

19 − 1 =